fbpx Press "Enter" to skip to content

La tua identità nel web ti precede… e ti insegue

 

Sei consapevole che i risultati della tua attività sono profondamente condizionati da ciò che propone Google digitando il tuo nome e quello della tua azienda?

 

I risultati che scaturiscono da questa ricerca rappresentano la tua identità nel mondo digitale, il tuo “primo curriculum vitae” visualizzato da chi cerca informazioni su di te tramite il web.

Quante volte hai cercato informazioni su una persona o un’azienda tramite Google?

Quante persone hanno fatto la stessa cosa nei tuoi confronti ?

 

Possono averlo fatto prima di incontrarti, per avere informazioni su ti te, oppure per fare verifiche dopo averti incontrato.

 

Sbagli se pensi sia sufficiente che non fuoriescano recensioni negative. Certo, se ci fossero ti arrecherebbero danno ma paradossalmente è altrettanto grave che non ci sia nessuno che parli di te.

Mi spiego, non basta avere un sito internet e dei profili social. Chi cerca informazioni sull’affidabilità e la correttezza di qualcuno va oltre, cerca conferme.

Se di te e della tua azienda non si trova traccia in nessun’altra fonte, a parte quelle “autogestite” dove te la canti e te la suoni, hai un problema. 

 

Se ancora non lo hai mai fatto, vai su Google, digita il tuo nome e cognome o quello della tua azienda e guarda i risultati che vengono proposti nella prima pagina.

In quante altre fonti sei rintracciabile oltre che nei tuoi profili social e nel tuo sito internet?

Ci sono articoli ed interviste di taglio giornalistico che confermano le tue competenze? 

Ci sono tue foto professionali?

 

Essere “facilmente rintracciabile”, avere un’identità nel web che conferma le tue competenze e quello che fai, ti valorizza.

Una cattiva identità nel web ti sminuisce.

 

Discorsi del tipo: “non è importante che sia visibile io, è importante che sia visibile la mia azienda, il mio marchio!”, li può fare solo chi ha un marchio super noto.

Certo, se il tuo brand è Apple, Ferrero, Barilla, Prada, Amazon, Ikea, Renzo Piano, ecc., probabilmente nessuno sente il bisogno di cercare verifiche.

Se invece anche tu sei titolare di una “Poconota srl”, devi prendere consapevolezza che alle soglie del 2020 è abbastanza normale e probabile, che le persone prima di procedere, vadano a cercare informazioni su chi porta avanti “la baracca” e il web è il modo più discreto, veloce ed economico per farlo.

 

L’argomento diventa ancora più importante, per non dire vitale, se per il tuo lavoro ti devi presentare spesso con il tuo Nome e Cognome.

 

Per creare una autorevole identità digitale, parti dalle tue competenze. Parla come esperto del settore attraverso contenuti di taglio giornalistico e soprattutto mettici la faccia!

Attenzione però, affidati a professionisti in grado di produrre articoli di qualità, che non cadono nella banale “celebrazione” della tua persona o della tua azienda.

A nessuno interessa sapere quanto è fantastico il tuo prodotto, molti invece possono essere interessati ai benefici che possono avere grazie al tuo prodotto.

Fondamentale poi è conoscere i meccanismi per farli indicizzare nei motori di ricerca in modo che vengano proposti nella prima pagina quando qualcuno cerca informazioni su di te.